Sosteniamo una sanità pubblica  a garanzia dei diritti costituzionali

 

Come Cisl, Città Metropolitana di Reggio Calabria, aderiamo all’iniziativa programmata dalla comunità di Polistena a sostegno della sempre più complessa vertenza “sanità del territorio” di sabato 4 maggio 2024.

Siamo, non per una politica di soppressione di strutture e servizi, ma per una vera azione integrativa di attività mediche sanitarie di prossimità, ragionata in una visione innovativa e di radicale ripensamento di funzioni, discipline mediche e servizi ospedalieri utili ad una comunità vasta, come la piana di Gioia Tauro,  alle prese con un crescente invecchiamento che necessita di particolare cure, mediante un più incisivo impiego della spesa pubblica per rispondere ai bisogni collettivi.

Non si può non avere o non  realizzare strutture ospedaliere di adeguato livello, moderne, attrezzate, rispondenti alle esigenze della gente del  territorio, costretta alle conseguenze di una sanità lenta nelle decisioni e con  un’inclinazione prevalentemente dello scarto e del depotenziamento dei servizi ospedalieri e sanitari esistenti.

Il nuovo ospedale della piana, già finanziato e speriamo di prossima costruzione, deve avere simili requisiti, proprio per sopperire alle odierne carenze, senza porsi come struttura sostitutiva all’attuale realtà ospedaliera presente sul territorio.

Di buon auspicio sono le recenti correzioni alla rete ospedaliera approvata lo scorso 26 marzo, con l’inserimento di note a garanzia della permanenza dei presidi esistenti di Polistena, Oppido Mamertina, Gioia Tauro, passi importanti ma non sufficienti verso la riorganizzazione.

Da sempre, noi , rivendichiamo una sanità pubblica capace di fronteggiare i numerosi bisogni di cura della gente, con più posti letto e meno attesa, oggi, il più delle volte, costretta a quella emigrazione sanitaria, tra drammi e dolori, verso altre strutture del centro nord.

Di certo non ha giovato il lungo periodo di commissariamento di tutta la nostra sanità, svilente e mai determinato per una gestione chiara, giusta ed equilibrata, funzionale a una doverosa riorganizzazione intorno a quei punti qualificanti, indispensabili per offrire risposte di qualità agli ammalati, a partire dal soppresso 118, da riportare con estrema urgenza  nell’area di competenza della città Metropolitana di Reggio Calabria.

Il segretario generale

Romolo Piscioneri

8 Marzo La Cisl Città Metropolitana di Reggio Calabria per la difesa delle Donne

In occasione dell’ 8 marzo festa della donna , siamo a difesa dei valori fondamentali della persona , soprattutto della donna costretta a subire, più di chiunque altro, le conseguenze di una comunità frantumata che si sbriciola sotto i colpi di scelte inappropriate poco adatte a colmare le disparità di genere, le fragilità e la sempre più invocata qualità del lavoro femminile.

Come Cisl, Città Metropolitana di Reggio Calabria, insieme al coordinamento donne,  siamo costantemente impegnati, attraverso le tante iniziative, nonché una dialettica attiva del tradurre in provvedimenti contrattuali, per poter dare voce agli “invisibili”, e a tutte quelle donne costrette a subire abusi e disparità di trattamento, nei luoghi di lavoro.

Su questi argomenti delicati, noi come Cisl, abbiamo un nostro pensiero, carico delle giuste sensibilità e che guarda nel merito delle diverse questioni.

Non significa urlare e non ottenere nulla, ma approfondire e poi confrontarsi con la politica, le istituzioni e gli imprenditori proponendo attenzioni e soluzioni possibili, in ambito di accordi aziendali, contratti e sostegno a promozione normative dedicate.

Siamo da sempre impegnati su una lettura genuina di contesto valutando gli sforzi necessari affinché si arrivi a tangibili risultati di salvaguardia e tutela della donna, nel lavoro e nella società.

Non ci facciamo incantare dal buonismo, mentre le donne muoiono per mano di scellerati che non si rassegnano al rifiuto.

Per garantire maggiore tutela abbiamo ideato e istituito un apposito ufficio con dei professionisti che si interessi di tutela contro le discriminazioni e le violenze sulle donne questo come buone pratiche a sostegno delle vulnerabilità  che ruotano intorno al mondo femminile, inoltre siamo  impegnati a seguire in maniera minuziosa la convenzione O.I.L del 2019 contro le violenze sulle donne nella parte che obbliga i datori di lavoro di redigere apposito documento sulla valutazione dei rischi così come previsto ampliando le sensibilità tra le funzioni e competenze delle RLS, RSU, RSA.

Il Segretario Generale Cisl

Città Metropolitana di Reggio Calabria

Romolo Piscioneri

INSIEME PER IL COMPLETAMENTO DELL’INTERA STRADA STATALE 106

                                                       

CITTA’ METROPOLITANA DI REGGIO CALABRIA

 

Insieme per il completamento dell’intera strada statale 106

La Calabria sconta un’insufficienza infrastrutturale viaria e ferroviaria ionica che non permette l’avvio di un necessario sviluppo del territorio e non garantisce uno spostamento in maniera adeguata e in sicurezza, poiché ogni giorno si allunga la lista degli incidenti mortali e invalidanti, non più giustificabili.

C’è l’urgenza di progettare, finanziare e realizzare l’intera opera, accorciando i tempi mediante il contemporaneo avvio di più cantieri e lo snellimento delle procedure autorizzative, rapportate alla necessità impellente di modernizzare e completare l’intera strada statale 106 ionica.

A sostegno di questa vertenze, una delle più sentite e datata della Calabria, avviamo una mobilitazione regionale unitaria, nostra, di Cgil, Cisl, Uil, lungo tutta la costa ionica calabrese, organizzando delle rappresentazioni in quei punti ritenuti critici  in  tutte le province.

Chiediamo all’ANAS e alla politica di tendere, in maniera spedita, al superamento del semplice studio di fattibilità, verso l’avvio di un vero progetto di fattibilità tecnica economica che interessi i 174 chilometri – da Catanzaro a Reggio Calabria.

Tratta, già inserita all’interno dell’allegato A1.1, di cui all’aggiornamento della Cassa Depositi e Prestiti, 16 – 20, approvato con delibera n. 43 del 27.12.2022, a cura del Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica e lo Sviluppo.

L’intervento per quest’area dovrà comprendere:

Catanzaro – Roccella, chilometri 74;

Locri – Palizzi, chilometri 60;

Bova – Reggio Calabria, chilometri 44.

Non possiamo più assistere a incomprensibili atteggiamenti che frenano il prolungamento da Palizzi verso Locri, lasciando il cantiere appena fuori Palizzi, senza dare corso a un completamento di una infrastruttura essenziale per la sicurezza stradale, la crescita, il lavoro e la coesione territoriale di quest’area molto fragile e isolata.

Sono i motivi perché l’iniziativa di protesta, per la Città Metropolitana di Reggio Calabria, incomincia con un raduno presso il piazzale, di fronte la stazione ferroviaria del comune di Bianco, alle ore 9.30 di domani venti febbraio, per concludersi, dopo una lenta sfilata sulla strada statale 106, con un nutrito numero di macchine, entro le ore 13.00, in piazza Martiri di Nassiriya, a Locri.

Riteniamo non si debba perdere altro tempo sulla via della progettazione, finanziamento e realizzazione di tutta la statale 106, garantendo così, a tutte le comunità un vero diritto alla mobilità e evitando altri disagi e morti per incidenti.

Come Cgil, Cisl e Uil, Città Metropolitana di Reggio Calabria, invitiamo alla partecipazione le comunità, le istituzioni, la politica, la chiesa per rivendicare il completamento della nuova strada statale 106 ionica, con lo slogan “ Insieme per la Strada Statale 106 Ionica”.

Segretario Generale Cisl, Romolo Piscioneri

Segretario Generale Cgil, Gregorio Pititto

Segretario Generale Uil, Giuseppe Rizzo

 

 

 

 

Vicinanza al sindaco di Varapodio Don Gianni

 

La Cisl Città Metropolitana di Reggio Calabria, manifesta vicinanza al parroco di Varapodio Don Gianni Rigoli , in quanto vittima di un odioso e  ingiustificabile atto intimidatorio per l’incendio della propria autovettura, nonché per i danni riportati alla chiesa mentre si celebravano le funzioni liturgiche. Atto vandalico che oltre a danneggiare Don Giovanni, la Chiesa , macchia di grigio l’ intera comunità.

 

Il segretario generale

Romolo Piscioneri

 

Gesti concreti contro il disagio e le fragilità

 

Come Cisl, Città Metropolitana di Reggio Calabria, abbiamo scelto di donare dei libri, manifestando vicinanza e solidarietà a tanti ragazzi oppressi dal disagio, convinti che i contenuti possano dare nuove motivazioni e giusto entusiasmo, utili alla individuazione di rinnovati percorsi di vita.

Siamo consapevoli che la lettura riesce sempre ad aiutare senza escludere la possibilità a che le difficoltà contingenti possano diventare fonte di sollievo e creatività.

Aiuta in un progredire culturale e educativo di base, contemplando quel contatto genuino adatto a ricreare sinceri rapporti, mitigando le ostilità di un tempo compromesso per disattenzioni, fatalità o semplici difficoltà del momento.

Confidiamo in una indissolubilità tra lettura e facilitazione di reinserimento in favorevoli contesti sociali e di comunità.

La buona lettura finisce sempre ingentilendo l’animo di ciascuno, agevolando relazioni per un rammendo di possibili crepe e grigiori che la vita inaspettatamente può riservarci.

Ecco lo spirito della nostra donazione, di questi libri scelti e dedicati ai ragazzi dell’USMM di Reggio Calabria, meritevoli di essere aiutati, con lungimiranza, così come avviene, in percorsi di vera crescita e affermazione consapevole e responsabile, con una speranza guida che porti a scorgere nuove strade, e se queste non fossero sufficienti, prepariamoci a crearne di nuove, senza arrendevolezze.

Ecco il valore della nostra donazione, fatta alla presenza della segretaria generale aggiunta della Cisl, Daniela Fumarola, nonché Nausica Sbarra, promotrice di questo ammirevole gesto, nel solco delle buone pratiche promosse dalla Cisl.

Donazione che incrocia la sensibilità di una istituzione dedita a infondere fiducia e altra opportunità, in contesti segnati dalle tante fragilità.

Ci confortano le parole ascoltate durante la cerimonia di consegna, magistralmente pronunciate dalla dottoressa Rosa Maria Morbegno che insieme ai collaboratori, esercitano, con grande professionalità e responsabilità quel delicato ruolo istituzionale di raccordo e tutela su chi si trova costretto al temporaneo disagio.

Gli affidamenti futuri sono quelli di un collaborare costruttivo, ancorato a una possibile progettualità ponderata e pertinente, affinché si facilitino spazi formativi e di reinserimento sociale e lavorativo.

Il Segretario Generale

Romolo PIscioneri