Concluso X CONGRESSO UST CISL Reggio Calabria

COMUNICATO STAMPA
Si è ufficialmente concluso il X Congresso territoriale Cisl di Reggio Calabria. Per i prossimi quattro anni, a ricoprire il ruolo di segretario sarà Rosi Perrone, la quale ha ricevuto il voto unanime del Consiglio Generale chiamato ad esprimersi dopo una due giorni sviluppata sul tema “Tra Europa e Mediterraneo: lavoro, persona, legalità nella Città Metropolitana”.

“Un momento molto partecipato e ricco di spunti” ha commentato il segretario nazionale Luigi Sbarra a margine dell’appuntamento elettivo che, come lo stesso ha sottolineato, è stato caratterizzato da unità di intenti e condivisione in merito ai temi ed alle argomentazioni contenuti nella relazione programmatica esposta da Perrone. Proprio quest’ultima, appena ricevuto il mandato a guidare la Cisl di Reggio Calabria, ha voluto esprimere la propria gratitudine per la fiducia accordata. “Una forte emozione – ha dichiarato rivolgendosi a tutti i presenti ed in particolare ai delegati ai consiglieri ed agli iscritti – raccogliere un  consenso corale, soprattutto dopo questi ultimi mesi di cui il congresso ha costituito il momento clou. Abbiamo un grande lavoro da realizzare insieme per ‘costruire’, sotto diversi aspetti, questo territorio metropolitano, in primis dal punto di vista progettuale. Ci guidano una solida volontà e quei nostri forti valori in cui continuare fermamente a credere. Da parte mia – ha concluso – vi è l’assunzione di tutta la responsabilità necessaria per affrontare questo prestigioso incarico affinché il percorso iniziato lo scorso luglio prosegua con sempre più abnegazione ed impegno”. Ad accompagnare Rosi Perrone in qualità di componenti di segreteria territoriale saranno Christian Demasi e Michele Brilli.

Un passaggio particolare del ringraziamento di Rosi Perrone è stato poi dedicato al ruolo delle donne nella Cisl. Un coordinamento, quello di Reggio Calabria, che, ha ricordato il neosegretario “è stato pioniere in Italia riguardo progetti e servizi offerti” e del quale di occuperà Nausica Sbarra. 

CONGRESSI PROVINCIALI FEDERAZIONI CISL REGGIO CALABRIA

  

TUTTI I SEGRETARI PROVINCIALI ELETTI DAI CONGRESSI DI FEDERAZIONE DELLA CISL REGGIO CALABRIA

FIM CISL : SEG. CHIAROLLA GIUSEPPE 13.02.2017

FPI CISL : SEG. GIORDANO LUCIANA 22.02.2017

FIT CISL : SEG. LARIZZA GIUSEPPE 24.02.2017

FIRST CISL : SEG, TINA ASCANELLI 25.02.2017

SCUOLA CISL : SEG. CARBONE ARCANGELO 25.02.2017

FELSA CISL : SEG. BARLETTA CARLO 27.02.2017

FAI CISL : SEG . PISCIONERI ROMOLO 28.02.2017

FNS CISL : SEG. RODA’ GIUSEPPE 01.03.2017

FILCA CISL : SEG. CORSARO VINCENZO 02.03.2017

SLP CISL : SEG. GIUNTA FRANCESCO 04.03.2017

FISASCAT CISL : SEG. RAFFA RITA 07.03.2017

ADICONSUM CISL : PRESIDENTE VESPIA SAVERIO 10.03.2017

FNP CISL : SEG. LOIACONO PASQUALE 21.03.2017

UNIVERSITA’ CISL :SEG. SANTA CATERINA CONSOLATO

MEDICI CISL : SEG. ROMEO PASQUALE

COORDINAMENTO DONNE CISL : SEG. SBARRA NAUSICA

COORDINAMENTO GIOVANI CISL : SEG. CHRISTIAN DEMASI

INAS CISL RC : DIRETTORE CANTARELLA SALVATORE

CAF CISL RC : DIRETTORE FALLARA CARMELO

ANTEAS CISL RC : SCICCHITANO VITTORIO

ANOLF CISL RC: ELGHOUAZI MOAHAMED

Giustizia: “La vicenda del bando tirocini sta assumendo caratteri paradossali”. Manifestazione il 1° marzo

Molti mesi fa, la Regione Calabria ha indetto un bando finanziato con fondi regionali e, quindi non ministeriali, per avviare 1000 disoccupati calabresi a tirocini della durata di 24 mesi presso uffici giudiziari o assimilabili. L’idea era quella di dare una risposta concreta alle necessità immediate e future di tanti disoccupati e, allo stesso tempo, per sopperire alla scarsità di organici nel settore della Giustizia in Calabria, spesso denunciata da più parti a partire dai Procuratori della Repubblica.

“Dopo un iter burocratico incomprensibilmente dilungatosi per svariati mesi, il ministero competente blocca la procedura (o almeno così pare!!!) per quelli che a noi sembrano cavilli da azzeccacarbugli. Il risultato è che ben 1000 persone che hanno superato la fase di valutazione delle candidature aspettano ancora di essere avviati in questo “tentativo” di politiche attive, vedendosi impedito un percorso di dignità che potrebbe rappresentare anche, un seppur minimo, sostegno economico alle rispettive famiglie”. Così Cgil, Cisl e Uil unitamente alle categorie del pubblico impiego FP CGIL, FP CISL, UILPA in merito al bando finanziato con fondi regionali e, quindi non ministeriali, per avviare 1000 disoccupati calabresi a tirocini della durata di 24 mesi presso uffici giudiziari o assimilabili, indetto dalla Regione Calabria molti mesi fa.
“La cosa veramente grave ed intollerabile è che la situazione di stallo non sembra avere tempi certi di soluzione” sottolineano le organizzazioni sindacali in una nota congiunta chiedendo alla Regione di fare fino in fondo la sua parte, chiamando a responsabilità il Ministero. “Non esistono alibi per nessuno” dichiarano.
Per i sindacati “occorre, quindi, che si chiariscano immediatamente le posizioni e le responsabilità, con l’unico obiettivo fare le cose “per bene” ed in fretta. Chiediamo che tutti i partecipanti che sono rientrati nelle posizioni utili della graduatoria (i primi 1.000) comincino il tirocinio negli uffici giudiziari negli ambiti definiti, o che si definiranno, nel più breve tempo possibile. Al fine di sollecitare le istituzioni interessate, il prossimo 1 Marzo, Cgil Cisl e Uil indicono una manifestazione dei tirocinanti della giustizia per richiedere al Ministero ed alla Regione Calabria l’avvio immediato del bando. Non possono essere i disoccupati calabresi ad esser penalizzati da conflitti di competenza, o politici che siano!”. Le organizzazioni sindacali, al fianco dei soggetti interessati, saranno presso la Cittadella Regionale giorno 1 marzo a partire dalle ore 9.30.

CGIL CISL UIL
FP CGIL – FP CISL – UIL PA Regionali

Giornata della Memoria. Tramonti: coinvolgere i giovani con iniziative e programmi tenendo conto dei drammi umani e sociali che il mondo vive

Si è riunito a Lamezia Terme il Coordinamento Donne CISL Calabria. L’avvio dei lavori è stato caratterizzato dalla proiezione del filmato “In treno per la memoria” realizzato da Francesca Rizzi della CISL Lombardia, per sensibilizzare le giovani generazioni e non dimenticare quel drammatico periodo. A tal proposito è stato apprezzato l’intervento del Direttore del CAF CISL Calabria Francesco Mingrone il quale ha ricordato alcuni versi tratti dalle memorie scritte da suo nonno deportato in un campo di lavoro in Germania come prigioniero di guerra e miracolosamente sopravvissuto. I lavori sono stati introdotti dalla coordinatrice regionale DONNE CISL Nausica Sbarra che ha evidenziato come la deportazione degli ebrei e il terribile genocidio ha coinvolto anche la Calabria e la sua gente. Sbarra ha ricordato l’orrore subìto dalle donne nel campo di concentramento femminile di Ravensbruck, dove furono torturate, seviziate e separate dai figli che videro morire sotto i loro occhi. Con questa iniziativa – ha proseguito Nausica Sbarra – vogliamo ricordare le tante donne straordinarie e coraggiose che con la loro capacità di resistere hanno continuato a lottare contro quello che stava accadendo. Dobbiamo conoscere e ricordare quanto accaduto e farci tutti noi narratori e narratrici della storia per le prossime generazioni che devono avere memoria del passato per vivere l’oggi e costruire bene il futuro. Ha concluso i lavori il segretario generale Paolo Tramonti secondo il quale è di fondamentale importanza non dimenticare quello che è successo e soprattutto coinvolgere le nuove generazioni con iniziative e programmi tenendo conto dei drammi umani e sociali che tuttora si stanno verificando in vaste aree del pianeta. L’appello lanciato da Papa Francesco sull’accoglienza e la solidarietà deve trovare sempre più spazio nella vita quotidiana e all’interno della nostra Organizzazione che da sempre mette al centro i valori della solidarietà e della giustizia sociale. Le immagini che abbiamo visto ad inizio lavori sono molto simili alle immagini che nei giorni scorsi sono state diffuse sui social con circa 65mila persone provenienti da Siria, Pakistan, Iraq e Afghanistan bloccate tra Grecia e Serbia, a causa della chiusura delle frontiere, costrette a fare i conti con la neve e il gelo. A tal proposito – ha concluso Tramonti – le organizzazioni per i diritti umani stanno denunciando le ripetute violazioni al diritto internazionale e hanno presentato diversi ricorsi alla Corte europea di giustizia.

Perrone: “A Reggio molti patti ma pochi fatti. Chiediamo incontro con Sindaco e consiglieri metropolitani”

La recente ondata di maltempo che ha caratterizzato anche il territorio reggino, oggetto di smottamento e danni, ci dimostra ancora una volta che la questione relativa ai finanziamenti per mettere in sicurezza questa parte di Calabria non può subire pause né può essere tirata fuori solo quando si verificano i danni. Noi continuiamo ad insistere sul fatto che sarebbe opportuno discutere di questi delicati temi non perché legati ad un fatto contingente, ma perché strategici e fondamentali per lo sviluppo della nostra terra. Lo abbiamo detto più volte ed a più riprese. Questi lavori da far rientrare in un più ampio progetto di riqualificazione delle infrastrutture, darebbero impulso notevole all’economia, in particolare il settore edile, e renderebbero più appetibile il territorio anche sul versante turistico. La vicenda relativa al ponte sull’Allaro è emblematica, ponte da oggi chiuso al traffico a causa del maltempo, con il rischio crollo per i pochi e tardivi interventi effettuati. Così come i lavori mai terminati sulla galleria della Limina, chiusa di notte nei giorni feriali. Casi emblematici di come la chiusura di un’arteria crea danni all’economia locale. Lavori, ribadiamo con forza, non più rinviabili. Lo dobbiamo ai tanti lavoratori della locride che quotidianamente attraversano la strada. Come Cisl continueremo a vigilare, non possiamo tollerare altri ritardi, rallentamenti ed ostacoli. Chiediamo ufficialmente un incontro urgente al Sindaco ed ai consiglieri metropolitani affinché si passi dalle parole, dai tanti patti sottoscritti, ai fatti.

Rosi Perrone
Segretaria Generale Cisl Reggio Calabria

Perrone e Larizza: Le istituzioni consentano di sopravvivere all’aereoporto dello stretto

Sull’aeroporto ”Tito Minniti”, si sta consumando una nuova puntata dell’abbandono delle istituzioni verso la città metropolitana e l’area dello stretto. Tranne qualche nota stampa fatta più per occupare spazio sui media, non abbiamo registrato prese di posizioni forti e determinate. Le sinergie con il Ministro dei trasporti Del Rio, più volte sbandierate, che risultati hanno portato? Ci auguriamo inoltre che il Ministro Marco Minniti e tutta la deputazione parlamentare calabrese possano avere quella forza ed autorevolezza tale da consentire allo scalo di sopravvivere ed evitare che Alitalia abbandoni l’aeroporto. Ad oggi però, non abbiamo ricevuto alcuna notizia positiva. Sarà anche questo un caso, ma dalla Regione Calabria, assordanti silenzi. Tanti fatti invece, sarà anche questo un caso, sui nuovi servizi su ruota che da Reggio Calabria portano allo scalo lametino. Silenzio ancora sulla nuova società di gestione. C’è il rischio che si sappia qualcosa quando già Alitalia ha abbandonato Reggio. Si parla di rilancio della città metropolitana e dell’area dello stretto. Ma, i messinesi, continuano a preferire lo scalo di Catania al nostro visto che non si programma nulla per attirarli. Nei giorni scorsi il New York Times ha indicato la Calabria come meta da visitare nel 2017. Ed i dati positivi di visitatori del Museo nazionale della Magna Grecia sono un altro segnale positivo. Ma chi ed in che modo, ci chiediamo, potrà raggiungere la città metropolitana di Reggio se l’aeroporto dovesse chiudere? Ci chiediamo pertanto a cosa ancora dobbiamo assistere per vedere una forte presa di posizione delle istituzioni. Il tempo rimasto è ormai poco. E, per quanto possa suonare come provocazione, chiediamo al sindaco metropolitano Falcomatà ed al presidente della Regione Oliverio di sospendersi dal partito sino alla risoluzione del problema”.